Registrare un marchio

Registrare un marchio: quando e perché proteggersi

MondayEspresso - 01/04/2024

Il marchio è l’insieme di parole, segni, tonalità e tratti distintivi, rappresentabili in forma grafica. Registrarlo permette di tutelare al meglio i prodotti o i servizi di un’attività.

In Italia, l’ente a cui rivolgersi per registrare un marchio è l’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi)  🛡️

Perché registrare un marchio 

Registrare il marchio ti garantisce alcuni diritti che altrimenti sarebbero difficili da esercitare.  

Un marchio registrato ti dà, come prima cosa, il diritto esclusivo di utilizzo. Questo significa che se un concorrente dovesse iniziare a utilizzare un marchio uguale o simile al tuo, potrai più facilmente intraprendere azioni legali per fermare la pratica scorretta. ⚖️ 

Puoi, in accordo con il tuo legale di fiducia, decidere se:

  • Avviare azioni stragiudiziali
  • Avviare azioni giudiziarie (civili e penali)
  • Attivare attività doganali a tutela del marchio
  • Chiedere al giudice un provvedimento d’urgenza

Ma non è tutto.

Un marchio registrato aumenta il valore dell’azienda, protegge l’investimento fatto nel costruire la reputazione e la riconoscibilità della tua organizzazione e ti consente di concedere il diritto d’uso del marchio a terzi potenzialmente interessati all’utilizzo. 💰

Registrare un marchio: come si fa e cosa sapere 📝

Tutto quel che c’è da sapere sui marchi lo trovi nel D. Lgs. 30/2005 e nel Codice della Proprietà Industriale (CPI) 

Diciamo subito che l’intero iter di registrazione del marchio non è certo semplicissimo. Bisogna sicuramente entrare in contatto con specialisti del settore. Sono loro che, prima di ogni cosa, dovrebbero accertarsi che il marchio che desideri tutelare rispetti i requisiti previsti dalla legge. 

Ciò vuol dire che il marchio fondamentalmente deve essere:

  • Originale
  • Distintivo
  • Conforme alla legge

Queste caratteristiche possono essere accertate mediante una ricerca presso le banche dati disponibili. Il lavoro da fare prende il nome di ricerca d’anteriorità. Una volta accertato tutto ciò, è possibile presentare la domanda vera e propria.

L’UIBM, una volta ricevuta la domanda e aver proceduto con le opportune verifiche, procede prima rendendo pubblica la richiesta e, nel caso nessuno si opponga, a registrare effettivamente il marchio. 

Un marchio registrato è protetto per 10 anni (rinnovabili). Tutti i marchi registrati possono essere consultati direttamente accedendo alla banca dati del Ministero delle imprese e del Made in Italy

Proteggersi dalla contraffazione: un problema (non) solo italiano 🚫

Registrare un marchio

Settori quali la moda, i giocattoli, la cosmetica, l’alimentare, contano un’elevata presenza di prodotti contraffatti. 

Registrare un marchio è lo strumento giusto per tutelarsi da episodi che possono provocare grandi danni alla tua organizzazione, magari proprio ora che sta evolvendosi nel modo giusto. 

Basta una rapida ricerca sul web per trovare numerosi professionisti abilitati ad esercitare la professione di Consulente di Marchi. Sono loro le giuste figure da consultare per assicurarsi che tutto l’iter proceda nel modo giusto.

Se stai pensando di registrare il tuo marchio o se desideri raccontarci la tua esperienza, condividi la tua opinione con noi su MondayEspresso: il business in pillole.

Ogni settimana parleremo di una notizia diversa, affrontandola in modo serio ma leggero. Non vogliamo certo farti iniziare il lunedì con il piede sbagliato!

    Ho letto e accetto la Privacy Policy *

    Condividi "Registrare un marchio: quando e perché proteggersi" su:
    Qui troverai spunti di riflessione e analisi critiche su temi attuali e rilevanti per il tuo business. Se ti piace l’idea, ti invito a iscriverti alla newsletter.

      Ho letto e accetto la Privacy Policy *